home    
     
     
     
     
  Sorprese
Lunedi 1 aprile 2013 alle ore 9.57
 
  No sarà de sicuro a piova che ne ferma, ma nancia sto timp pasat a spetà che qualcossa cambi, no ne impaurìs nancia saver che no l'è nient de fàcie taa vita se se vuol deventà grandi. Ogni dì viodi tanta dent che para'vanti coa dignità del onesto e col coraio de chi che sa cos' che vuol disi sofrì... e de soito i son chei che ti i viot pì contenti.
A Pasqua me ven sempre un periodo de tanti pinsieri e sopratuto el timor de no ver sempre fat pì che podevi par iessi na persona par ben e coa cosiensa a posto, ma chista l'è n'altra storia... e ognun ven a nostra.
Insoma, incuoi l'è stada na dornada de fiesta, dopo tanti dis de penitense e vidilie (...) tornen tuti, finalmente, a magnà carne e bevi vin sensa a sensasion de fa calchi cossa che no 'ndava fat.
Ven piturat i vuovi de iaìna coe scusse dee seòe e ven rot i vuovi de ciocoata, calchidun l'è 'ndut a messa e calchidun l'è stat ciasa a parecià pàa fiesta e a infornà l'agnel che "tant no'l ghe pias a nisùn", "ma fa tant Pasqua", "vuialtri no savè nancia cos' che l'è bon", "va ben, intant buten un ombra e sinti che vin che te beif".
Insoma a Domenia de Pasqua a va cussì, da sempre, co tuti i to pinsieri e propositi cuiardadi dal gras dei condimenti, dal alcol del vin, dal dols dea ciocoata dae sorprese del vuovo e daa durmida tal divano dopo magnat... Ma soi sicuro però che un fiatin sen crisùdi, calchi cossa la ven imparada ancia sta vuolta e che in fine el senso de tut l'è de sta ben insieme co tuti e coa nostra cosiensa.
Auguri... davero auguri a tuti vuialtri che vè ancora vuoia de liedi 'sti quatro discorsi [consapevolmente] in libertà.
 
 
 
     
  Lune
Sabato 23 Marzo 2013 alle ore 1.43
 
  Co' se torna ciasa tardi, che l'è sa scur, no sai se ve capita ancia a vuialtri (ma pensi de si), 'na roba che no te resiste a no fa, l'è vardà par aria pa' iodi se te viot a luna.
E se no l'è a luna te varda e stee, e se no l'è nancia e stee, qualcossa te vioarà, comunque l'è bel vardà par aria ancia se l'è da quande che te so nassut che te viot pì o meno sempre e stesse robe.
A vuolte te capita ancia de fermate, capita a tuti, e tacà a pensà a robe pì grande del mondo intiero, a domande che no e trova risposte, a pinsieri che i te fa sintì come un sclapis tal mar.
Vardà par aria, specialmente de nuot, l'è una dee esperiense pì straordinarie che se puossi vivi, el cuor el bat pí forte a pensà a quant lontane che son e stee, a quant timp che l'è pasat da quande che l'è scuminthiat tut quant, e voer capì cos' che iera prima e cos' che sarà dopo, cos' che l'è el timp, e cos'eo el spassio, ma seno evoùdi o seno primitivi (uchì na meda idea me a soi fata), dopo l'è a luna che a conosen pí che altro par tute e canson e poesie che i ghe a dedicat, e ancia par tuti i scompensi che a ne porta... Se semèna col bon de luna, se travasa coa luna giusta, se va a pes'cià sol coa luna l'è mituda ta un certo modo, el capo l'à a luna stuarta, el timp el cambia sol co' se fa a luna nuova, par tasi dee eclissi che alora no se capis pí nient se mètese a semenà, travasà o pes'cià.
Insoma vardà par aria l'è importante quasi quant vardà par tiara, dopo sen tuti diversi e 'lora meio fa chel che ne ven pí spontaneo da fa.
Un che 'l vardava spes par aria iera el Leopardi, (e ancia lui el se sintìva a meio co'l viodeva l'infinit) e ghe vigniva spontaneo scrivi tante bee poesie... e qualchiduna ispirada aa luna...

Aa luna

O grassiosa luna, mi me ricuardi
che, l'an passat, ieri vignut
pien de magon a vardate su sta coìna
e ti te iera sora chel bosc
cussì come che te fa adès, te ghe fa ciaro.
ma el to muso, ai me vuoi,
el me someiava fosco e ch'el trimava
pae lagrime che me coava tae seje
parchè vevi na vita de soferensa
e l'è 'ncora cussì, no l'è cambiada
o cara luna. Comunque stai ben a ricuardame
e ripensà al timp de quande che sofrivi.
Ciou, com'eo benon da dovins
quande che te à tante speranse
e puoc da ricuardà, el ripensà ae robe de na vuolta
ancia se e son triste, e ancia se e ne fa 'ncora sofrì.
-Giacomo Leopardi-

 
 
 
     
  Unici
Mercoledi 20 Marzo 2013 alle ore 1.13
 
  Quante persone incontrèno ogni dì e co' quante parlèno, co' quante se voarìsi fa amicissia e quante meio de no?
Co' te so davanti a na persona, on o femena che sia, dòvin o vecio, sior o puaret, sen davanti a na richessa inestimàbie. Chiunque de noi el se porta dentro emosion, esperiense, cosiensa, cultura e idee... milioni de idee.
Se impara tant a vardà e scoltà, el muso dee persone l'è un mondo intiero, tuti, ognun co e nostre espresiòn, i sencs dea piel, i vuoi che se te i varda ben i someia el mondo vist daa luna, chi scuro chi pàido, chi co a barba, chi coi ociai, chi moro e chi griso
Ven na vose e a ne presenta meio de qualsiasi vistito, coa vose fen sintì chel che pensen, e ven ancia a fortuna de poder cambiaghe el tono a seconda de come che sten, e co' chi che sen, come un strumento, qualchidun l'è pì vioin, qualchidun l'è pí pianoforte, qualchidun l'à i alti qualchidun l'à i bassi... in tuti i sensi.
Ogni un l'à na storia da contà e progeti da fa, ognun a modo nostro co a nostra esperiensa e co a nostra fantasia.
Ma pí de tut ven un ciaf che 'l puol fa chel che nisun compiuter puol fa e nisun cristian puol impedìne de fa: sieldi.
Poder sieldi chel che ne comoda e chel che no ne sta ben l'è a pì bea roba dee persone libere, libere dai schemi e dae finte necesità, libere de domandà e de capì, liberi de studià e de criticà.
Bisugna disobedì, bisugna che se tireni fuora dal teatrin che i ne à costruit, noi sen importanti e ven tant da ofrì a sto mondo, nisun puol tignìne liàdi a necesità che no ven.
No sen sol na cartea all'anagrafe, no sen sol un numero dee statistiche, no sen un tàrghet dea industria dee machine e nancia "acquirenti" de detersivi e "snec golosi", no l'è bel iessi consideradi "fascia di mercato" e creature da studiaghe e reasiòn devanti a un scafal al supermercà.
Sen nasùdi ognun col nostro sirviùt e col nostro cuor, tuti diversi e tuti straordinari sensa condisionamenti e coe regoe del suol e dea luna, pronti pa 'l mistier pí bel de tuti: a vita.
No sten pì fasse mincionà, l'è ora de vardà e robe ta na maniera diferente e pì de tut no domandàse pí "cos' che serve" ma domandàse: "che senso che l'à", l'è ora de sieldi de iessi contenti ognun col nostro caratere unico e original.
 
 
 
  Ritratto di Dora Maar è un dipinto ad olio su tela di cm 92 x 65 realizzato nel 1937 dal pittore spagnolo Pablo Picasso. È conservato al Musée National Picasso di Parigi.
Nel 1936 Picasso, stabilitosi nei pressi di Cannes, conobbe la giovane fotografa Dora Maar e ne divenne l'amante. In questo periodo dipinse una serie di ritratti alternativamente di Dora e Marie-Térèse.
La giovane è ritratta assisa con una blusa nera e una gonna rossa a quadri. Le forme spigolose e l'abbigliamento elaborato mettono in risalto la forte personalità della donna.
Fonte: wikipedia.
 
     
  Imparà
Domenica 17 Marzo 2013 alle ore 2.33
 
  Soi che vardi i tosatei che i duar tal so letin, chisà cos' che i son drio sognà, chisà cos' che i pensà del mondo, chisà cos' che i deventarà.
I tosatei i son na roba granda, i à el Padreterno dentro, i son chel che da grandi se dovarisi deventà... Sinceri, spontanei, sensa rancor, sensa odio, sempre contenti ancia a duià co' na bacherà de lenc, sempre co' l'entusiasmo ancia par na nuvua che passa, curiosi ancia par na furmìa che 'a alsa na fruguia de pan, sempre pronti a disi: "no sai", sempre pronti a disi "insègneme"
Mi no soi mìo sicuro de fa sempre ben co' lori, e son tante e robe che te voarissi faghe imparà e da parte sova, se sà, no se imparà benon se no te sbat el nas (o saven benon noi grandi).
Voarissi ver a formua magica che li ilumini taa vita, ma no i l'à inventada ancora... alora dovrai rangiame e fa meio che puossi, e magari fame iutà da chi che l'è pí bravo de mi.
Veo mai liedut "il libro della giungla"? Un raconto proprio bel, (l'orso Balù l'è el personagio che preferissi). El stesso scritor, Kipling, (lo disi par chi che no lo savessi) l'à scrit na poesia che me piasarisi tant che tuti i tosatei i la liedessi... a se intitua: "Se", e ogni tant se dovarissi liedeo ancia noi grandi... cussì, tant par no dismintiasse.
 
     
 

"Se"
Se te riva a tignì el ciaf a posto quande che tuti intor de ti
i lo à pers e i te da a colpa a ti,
Se te puol ver fiducia de ti stesso quande che tuti chealtri i te dubita,
ma te considera ancia i so dubbi,
se te sa spetà tranquio chel che te spèta
o esendo tradit no te ghe torna tradimento
o esendo odiat, no te te fa ciapà dall’odio
sensa comunque pensà de iessi el pì bon e credi de iessi el pì sapiente.

Se te puol sognà sensa fate imbaumì dai sogni,
Se te puol pensà sensa fa deventà i pensieri massa importanti
Se te sa vardà tal muso el trionfo e a ruvina,
e tratà sti do impostori col cuor in pase.
Se te riva a soportà de sintì i busiars che i maìgna co’ chel che te ghe à dita,
e de colpo viodi distrutte e robe che te ghe à dat a vita,
e piegate par ricostruì coi arnesi consumadi e tant coraio.

Se te puol fa un mucio de tute e to fortune
e ris’cià tut ta un unico colpo a testa o crose,
piardi, e tacà de novo da prinsìpio
sensa pentite de chel che te à piardùt.
Se te sa costringi el to cuor a tirà fuora el coraio
quande che te o varà sa finit da un toc,
e stà in pìe quande che no te puol fa altro che dite: “ten duro!”

Se te riva a parlà ae piasse piene de dent e restà onesto
O ciaminà in banda ai re, sensa piardi l’umiltà
se no puol ferite né i nemici né i amici pì afetuosi,
se te ghe voarà ben a tuti tal stesso modo sensa diferense.
Se te riva a impinì ogni inesoràbie minuto
dandoghe vaor a ognun dei sesanta secondi,
tovo l’è el mondo e tut chel che el puol ofrì
e alora sì, che te sarà un on, bambin mio.
-Rudyard Kipling-

 
     
 
 
     
  Fiuruth
Martedi 12 febbraio 2013 alle ore 1.34
 
  Par chi che sta a Cuncuardia l'è bastansa normae ver tuti i dis sot i vuoi el patrimonio dei scavi, l'è benon ancia ver un bel canal che no l'è propio tignut mal, l'è comodo ver el mar a un quarto d'ora de machina e 'e montagne pí bee del mondo a un par de ore de coriera. L'è a fine del mondo rivà a Venessia ta meda ora de treno e tal Loncon in diese minuti de bicicleta... certo a Posidensa no l'è come Rialto, ma a Rialto no l'è lievri, codope e aironi, l'è sol coombi.
De domenia se no te vuol sta ciasa l'è Trieste col Carso, se te pias pes'cià basta 'ndì in vae e par ciaminà da sol o in compagnia l'è sempre a Brussa, a magnà el geato se va a Caorle.
Someia tut cussì normae che no se vanten de nient, in Provensa i à i girasuoi e a lavanda e someia che li vessi inventadi lori, ca noi sen pieni de seresérs, persegars, vioe, margherite, mintutha e vidisons drio l'ardin, biancospini drio e strade e amoars in fior par tuti i ciantons che no ghe fen nancia caso.
In Inghiltera i a trovat quatro piere de insediamenti romani e a sintii lori someia che i vessi e pí grandi richesse archeologiche che nancia a Pompei no te trova. Noi co' se iera tosatei se 'ndava a duiá in via VIII Marso fra i pavimenti de mosaico dee ville romane de domie ani fa.
A chisto pensavi tant che vardavi chii fiuruth ceesti che cres tai pras e che me nona a me diseva che i se ciamava "vuoi dea Madona"... e voevi fave partecipi de sto momento de entusiasmo. Grassie par ver liedut fin chì.
 
 
 
     
  Mimose
Sabato 23 febbraio 2013 alle ore 20.13
 
  Cuncuardia l'à da iessi femena, ansi, l'è sicuramente femena.
A se ricuars del pasat, ma l'è sempre pronta pa 'l doman, el caratere l'è forte ma sol quande che serve, a vose l'è rasicurante come na mare, alegra come na tosata, energica e si...cura come a femena de ciasa.
A se fa bea tai dis de fiesta, e no a piars timp tai dis de lavoro, l'è diicata e sensibie. Bisogna scoltàa, tratàa come na tosata 'co te ghe fa l'amor, rispetàa come na mare che a te à crisùt, e ricuardàa no sol quande che l'è fiesta o quande che te ghe so lontan.
A se specia tal canal, a stá al suol de istàt, e a rispira a nebia de unviar, come na tosata in bicicleta, sempre che a varda 'vanti sensa distrasion.
Un fiatin ciacoona, un fiatin rufiana, calche vuolta rossa calche vuolta rusignòa e sempre piena de coraio ancia in medo a guere, caristìe e aluvions sempre lì a consoà e a ofrì tut chel che a puol.
Propio come na femena a se impìa quande che te ghe vuol ben e pronta a ricambiate fin a consumase che te sia so fiol o so on, che pecado par chi che no lo a capit.
Cuncuardia l'è propio na bea invension, e sarissi meio ricuardàse de tratàa ben no sol tai dis de fiesta.
E a proposito de fiesta... Bona dornada dea femena a tuti quanti... omis e femene.
 
 
 
     
  Sinfonica
Sabato 23 febbraio 2013 alle ore 20.13
 
  Pasavi a pìe par via Romolo Candiani, davanti dee scue Otaviano Augusto par capisse, e 'ndindo vanti te passa in banda del curtif indove che i tosatei dee lementari i fà ricreasion. Pensavi che l'à da verghene visti de tosatei e de maestre chel curtif e chei alberi, quasi tuti, a Cuncuardia, co i iera tosatei i a duiat a cavaeta comare o a mare alta fra chei alberi. Na roba che però no te assa indiferente l'è a musica che te sint se te passa par lì verso e undese de un dì de scua, altrochè Vivaldi o Bach, lì te sint na sinfonia che nesun diretor de orchestra el rivarisi mai a dirigi, un concerto che ta nesun teatro i rivarisi a orchestrà, na fiarmonica de sento elementi dai sie ai diese ani che i thiga, i cianta, i parla, i strepita e calchidun ancia el pianth. Tuti che i va a timp, tuti intonadi, un pentagramma dove che sete note e son puoce, i alti, i bassi, i soisti, e i fantasisti, musica in movimento, se te siara i vuoi te viot domìe coori un par ogni "nota", armonia e improvisasion, movimenti dal alegro al vivace, fin che no spicca na vose de soprano stonada che no c'entra nient, che fa finì el concerto e a ciama tuti a racolta pa' tornà in classe.
Torna el siensio, finit el concerto e nancia un aplauso.
L'è ora del cafè e vai al bar, cambia el teatro e cambia a musica, uchì a meodia l'è pí de tipo sperimentale, tanti soisti che i cianta par conto sovo e sot na trama de ciacoès che fa da base, ogni tant un tenore in risalto co na bestema el siara a session dei fiati.
E dopo, l'è chel che siara a puarta, chel che puda a cichera, chea che ghe coa l'ombrea, chel che ordina un cafè, el barista chel viars na butilia e un teefono chel suna.
Un opera sensa libreto, na rapresentasion viarta a tuti, un teatro, tuti protagonisti e tuti indispensabii par una improvisasion da orchestrina gess.
Prima de 'ndì ciasa me fermi a ciò do robe in alimentari e sarà forse l'ambiente pí dìicato che ricuars e note ben distinte de Chopin, se parla un aa vuolta (el soìsta) par domandà chel che ghe serve, e tuti chealtri (el coro) a bassa vose i comenta ogni roba in do minore. A sposina coi tacs, a sposa coa permanente, a vedova col carel pien e el pensionato col foglietin scrit a matita, tuti che i varda el diretor de l'orchestra che l'afeta a mortadea.
Co me tocia mi ài quasi paura de stonà e alora ghe domandi (in mi minore) se par piaser puosi ver sol quatro panès.
Verso ciasa pàa strada a musica la fa e machine che e passa, un cian che 'l baia, do tosate che e se parla col timbro del triangul e un campanel de bicicleta che 'l me avisa de spostame se no vuoi finì sot do ruode e quatro borse dea spesa e, e campane che e bat miudì. Insoma un concerto ta ogni banda che te va, un sonoro che te acompagna ogni momento, note, ritmi, romanse e minueti, un orchestra sempre che suna par chi che ghe pias scoltà. Cuncuardia l'è speciae ancia par chisto... basta faghe caso, e no serve nancia l'aplauso.
 
 
 
     
     
  Maestri
Martedì 29 gennaio 2013 alle ore 10.02
 
 

Sen fati par imparà, voendo, ogni momento dea dornada ghe sarisi qualcossa da imparà.
Sen ca par chel, e a vuoia de capí e de saver ne fa iessi sempre come tosatei coi nostri "parchè".
Che senso l'ao de vivi sensa imparà, stà sempre a remenasse chee quatro idee e do pinsieri, passà na vita sensa provà, fà, capì, sbalià.
Saver significa ancia saver disi: "no sai", do paroe che e te viars a l'universo, no l'à età el saver, no se o compra e no'l finis mai, ghe n'è par tuti e l'è gratis, na fabrica che no conòs crisi che l'à sol bisugna de na s'cianta de vuoia e un fià de umiltà.
Se po troven ancia chi che ne insegna e ne iuta a capì, alora, no ne serve altro.
Un maestro l'è na benedision del Signor, l'è come un albero sempre pien de pomi, un canal pien de pes, un libro che no finis mai. Un maestro el te insegna a meti i apostrofi giusti e a tirà via e paroe sbaliade, el te fa studià a storia pasàda par capì chea che l'à da vigní, el maestro no l'è un amico, l'è de pí, el te dà tant ma te à da tornaghe de pí, el te vuol ben ma ti no te o sà, del maestro te puol fidate, parchè lui el sà come che va e robe, e noi no saven de no saver.
El maestro l'à sbaliàt prima de ti, e par iessi maestro l'à da ver sbaliàt pí de tuti e no fa pì i stessi sbali, l'à sbaliàt su de lui par dite a ti come fa ben.
No savarisi se sia pí difìcie fa el maestro o fa chel che l'impara, sai però che sarisi da imparà tant da deventà ancora meio dei nostri maestri, proprio par faghe onor. Un tosatel co l'impara na roba nuova se ghe ilumina i vuoi, ma un maestro come el se sínteo quande ch'el viot chei vuoi che rit?
Quanti ghe ne incontrèno ta na vita, e quanti ghe ne riconosèneo, magari capin tardi chi che ne insegna benon, parchè se sa, a via pí giusta l'è sempre a pí difìcie, e el maestro pí bravo l'è sempre chel pí severo.
Chiste e son sol e me sensasion oviamente, giuste e sbaliade insieme, ma se qualchidun el vessi n'altra idea, n'altro pinsiero, n'altra esperiensa, sarisi ben contento de scoltà... e magari imparà.

 
 

 
  Sto ca coa barba l'è un maestro ch'el stava in Grecia domie e sinquesento ani fa, ghe piaseva bevi, parlà e... murì pitost de fa na ingiustissia. El se ciamava Socrate.  
     
  Viodarái (parte seconda)
Venerdì 18 gennaio 2013 alle ore 12.42
 
 

I dovins i son bei, i son pieni de entusiasmo, no i duar mai, i a murbin, i a primura, i cret a tante bee robe, sempre sensa paura, regoe da rifà, vita da costruì, idee da sigà, emosion da regaà.
No l'è crisi che li buti du, no l'è batosta che li fai smeti, no l'è un jat e na volpe che li insiminìs nè un rufian che li mincioni.
El timp no ghe basta mai, i riva prima de partì, i parte sì, ma sol par inventase na strada e na storia, e la storia i son lori che i la fa.
I dovins i sa tut lori, lori che i à a forsa dei libri e dee idee, lori che i à a grasia de l'amor e dei sintimenti. Tut el mondo l'è stat dovin, ma qualchidun el se à dismintiat, un pare e na mare i son stadi dovins ma noi fioi ne par che i sia sempre stadi cussì... brontoons, preocupadi e pieni de racomandasion.
I dovins i son sempre convinti, sinceri, direti. Intant i fà dopo i pensa, suol e luna no i ghe conta e ore, col sirviel che masìna pinsieri e col corban che no se fiaca mai.
I sbalia, sì i sbalia tant, ma l'è sol chel el modo par deventà grandi, e i grandi no i à da bacà.
Ieri tosatel che sintivi disi "no è tempi... no l'è come na vuolta, no l'è pí tempi", ieri pí grandut che continuavi a sintì "eeeeeh no l'è tempi no!!", e passa i ani e chea frase continui a sintìa.
Mi o ciami "assioma del assa stà" l'è come na seciada de aga sora un fogher, l'è 'na frase de chi che no l'à pí vuoia, no l'à pí fantasia, no l'à pí coraio e de chi che se à dismintiat de iessi stat dovin.
"Assa stà che no l'è pí ani" l'è come disi: "rasegnete e deventa vecio" ancia se te à vinti ani, ancia se te a tute e energie drio s-ciopate dentro da spacà el mondo buta via tuta chea energia bona che te à.
I dovins i son bei parché i se ribèa a ste frasi e forse no i le capis nancia...
meio cussì, cussì viodarai sti dovins che i deventa grandi a fa robe grande.

 
 
 
     
  Savèr
Giovedì 17 gennaio 2013 alle ore 11.20
 
 

Mi no l'ai mai conusut, e se bastasi chisto... El fato l'è che veramente, no l'à mai conusut nancia me pare, sol che par lui el iera so pare... Proprio come che mi soi pare dei me tosatei.
Me nono no lè mai tornat daa guera, e bastasi chisto par fa capì quant bruta che sia na guera.
I se so visti sol na vuolta, sol che me pare el veva un par de mesi... ma chissà che contento che 'l veva da iessi a sintì na man forte de on pien de coraio e de amor che lo caresava.
Co l'è partit chea vuolta chissà quant che l'à da ver strindut me nona co chei bras de tosat de nancia trenta ani pieni de forsa e de vita. El ghe varà dita paroe piene del mondo intiero par quant che ghe voeva ben, e a me pare el ghe varà dat basi pieni de anema e de sanc par quant che no 'l voeva a'sao. A me nona no ghe bastava a fan, a miseria e do tosatei in fasse... ghe voeva a pena de spetà e a rabia de no capì cos' che serve na guera.
A me nono no ghe bastava iessi lontan daa so femena, chea che 'l iera ndut a ciose parchè la voeva proprio, e proprio lina, e no ghe bastava el freit, a fan e a paura de saver fin massa ben cos' che iera a guera, ghe voeva sintì i spari, e sigade, e a paura de no saver se se puol tornà da na guera.
Mi a guera no sai cos'che sia, ma sai che l'è a roba pì bruta che puossi capità, e sai ancia che iera facie no tornà pì a ciasa.
Chisto l'è un pensiero che ai vut stasera, intant che duiavi co i me tosatei iera na bea canson aa radio...


-Sufia tal vint-

Par quante strade lao da ciaminà un on
par meritase de iessi ciamat on?
Sì, e sora quant mar lao da voá na coomba bianca
prima che a puosi pugnese taa sabia?
Sì e quante bae de canòn lao da voà
prima che i pensi de fa basta?
A risposta, amico, l'è drio sufiá tal vint
a risposta l'è che a sufia tal vint
Quante vuolte un on lao da vardà par aria
prima ch'el rivi a viodi el ciel?
Sì, e quante recie lao da ver un on
prima ch'el puossi sintì piandi a dent?
Sì e quanti muarts ghe vuoseo
par saver che l'è muart massa dent?
A risposta, amico, l'è drio sufiá tal vint
a risposta l'è che a sufia tal vint
Quant timp puoseo esisti na montagna
prima de iessi spianada fin al mar?
Sì, e quanti ani lao da vivi a dent
par iessi aa fine in libertà?
Sì, e quante vuolte un on el puoseo girà el ciaf
e fa finta de no viodi?
A risposta, amico, l'è drio sufiá tal vint
a risposta l'è che a sufia tal vint.

Bob Dylan

 
 

 
  El disegno l'à fat un spagnol che l'à pasat a vita a imparà a disegnà come un putel de quatro ani, lui el veva un nome lunc da ca a là via, ma tuti i lo ciamava Pablo.  
     
  Viodarài (parte prima)
Mercoledì 16 gennaio 2013 alle ore 16.17
 
 

Co ieri picul, (someia strano, ma me ricuardi ancora) una dee robe che me impresionava de pì iera certe frasi che sintivi dime, da chi che iera pi grant de mi, a proposito del futuro.
A solfa pi frequente iera chea che mi ciami: postulato del "te viodará".
Ieri ancora a l'asilo dee suore che rincuravi i ris dei --------- e magnavi panitins coa marmeata co i à scuminthiat a tiritera: "te iodarà fantuin co te 'ndarà a scùa", e sa lì e domande che me vigniva da fa e iera tante, a pí ovvia però iera: "viodarai cossa?" ma ancia un senso de ansia verso el futuro e sospetto verso chel che me faseva sta afermasion, ancia parché de soito a iera seguida da na riduda greve che presagiva na profesìa nefasta.
Quande che dopo soi 'ndut a scua convinto "coe bone" da me pare (e i metodi i iera abastansa sbrigativi rispetto a come che se fa adès) continuavi a domandàme cos' che me sarisi capitat de pedo de mèteme un traverson nero, e ancia lì se riproponeva chea che ormai a saveva da intimidasion... "Te iodarà co' te va in seconda (tersa, quarta ecc.)".
Dopo vigniva e medie e superiori e 'ncora 'vanti co a litanìa, e man man che pasava i ani el tono el deventava sempre pí grave e pesante, ma no smetevi de domandàme cos' che varìssi vut da viodi, pensavi quindi che doveva ieseghe un segreto, na specie de arcano, che sol a mi i me o tigniva scundùt.
Ai tacat a pensà comunque che forse iera na roba che riguardava sol a scua, e quindi sto mistero el me varissi perseguitat ancora par puoc. Ancia parchè deventava bastansa fastidioso sintì sempre "te iodará el programa de matematica", "te viodará al programa de l'an che ven" e vanti 'ncora par ogni roba cussì.
Finida a scua pensi finalmente de festegiá co tuti i amici (no tant l'esame quant a dimostrasion che no iera nient da viodi).
Quindi bel contento de ièseme liberat dei fastidi, se fa 'vanti un de chei che veva finit a scua in seconda media chel me fa co vose da mesagero de satana: "te viodará ades... co te n'ndarà a miitar". A sto punto no vevi da fa altro che spetà, lui el miitar lo veva fat in fanteria e sicuramente el ghe ne saveva pí de mi.
Ben... puossi garantive che a miitar no l'è stat tant de chè da viodi se no un par de  robe che l'è meio no disi in publico. Dopo l'è rivat finalmente el "te viodará quande che te varà a morosa" che onestamente no me dispiaseva mìo, ai pasat ancia el "te viodarà quande che te te sposa", "te vedarà quande che te varà fioi", "...quande che i creserà" e via ancora par qualsiasi roba che qualchidun l'à fat prima de ti, e sempre sempre sensa mai capì cos' che l'è da viodi de preocupante, ansi a disi el vero ai sempre vist robe che me piaseva.
Sol de na roba ancora no i me a dita "te vedarà"... e pensá che l'è a roba che de pì me met curiosità, ma no ai primura, e de saver come che se stà par deà onestamente speti vuintiera.

 
     
     
  Classici
Giovedì 10 gennaio 2013 alle ore 18.46
 
 

Lièdi fa sempre ben... Fa ben a tut e fa ben ancia aa fantasia, e la maestra Mara in fato de fantasia la puol ben insegnáne a tuti. Le cartuine de "Toni in giro pal mondo" ghe a dat el spunto par una rivisita de un dei pí bei e aventurosi  raconti de fantasia...

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI di Jules Verne (liberamente interpretato dalla maestra Mara Trevisan)
Toni de L'Aga con perfetto stile concordiese, decide di accettare una scommessa a dir poco… mondiale: fare il giro del pianeta in 80 giorni!
Era l'occasione per vincere un premio in denaro che gli avrebbe permesso finalmente di avere una casa tutta sua ( corsi e ricorsi storici! ).
Senza porre tempo in mezzo, parte per realizzare l'impresa impegnando il suo intero capitale disponibile, 2 lire, cosa che non gli vieta di conservare per tutto il viaggio quello spirito scanzonato e flemmatico (dovuto alla durezza del suo mestiere “ o te para vant o te sprofonda”) che è tipico dei “grandi”.
Parte col treno a vapore dalla stazione appena sorta di Portogruaro dove era giunto con la batea, per poi proseguire col piroscafo oltre oceano.
Lo accompagna Passapartut, a cui lo lega un'amicizia forte, sincera, inscindibile, come si usa a Concordia.
Imperturbabili attraversano i continenti, incuranti dei pericoli, sovranamente indifferenti di fronte ai contrattempi, trovando perfino il tempo di salvare, strada facendo, una giovane nobile indiana, Shanta che Toni sposerà una volta giunto in patria cambiandole il nome in Santina.
Numerosi imprevisti ostacolano il compimento dell'avventura, a partire da Passapartut che si ubriaca e perde i biglietti dell'Orient Express, per finire con un agente che sorveglia e segue la spedizione convinto di aver riconosciuto in Toni un malfamato avventuriero e famoso ladro internazionale.
Gli espedienti attuati da questo indesiderato compagno di viaggio rallentano e ostacolano i nostri eroi, accumulando un prodigioso ritardo, dovuto però anche al fatto che,ovunque, Toni viene accolto con il massimo degli onori perché la notizia del suo viaggio, al tempo molto prodigioso, si era ormai diffusa come la scoperta dell'America.
A New York la comunità italiana d'accordo con il sindaco decide di rimuovere niente-po-po-di-meno-che … la statua della Libertà per lasciar posto al nostro amato compaesano… scendendo verso Rio de Janeiro Toni viene coinvolto nel famoso carnevale, spiazza tutti con la sua verve al punto che non vogliono più lasciarlo venir via, gli offrono un posto sopra il Pan di Zucchero col badilao bien piantao… scendendo ancora verso l'isola di Pasqua l'accoglienza è altrettanto trionfale: se a Concordia il posto di Toni era in piazza, lì viene addirittura collocato tra i monumenti megalitici…. È' un vero trionfo ovunque vada!
In Egitto l'accoglienza è regale, a Pechino è imperiale… ma Toni non si lascia mai coinvolgere più di tanto… deve raggiungere il suo obiettivo… e il tempo stringe.
Raggiunta l'Europa tocca tutte le capitali più importanti, anche là gli viene tributato il massimo degli onori… e quando giunge a Roma perfino il papa gli concede il suo balcone!
Dopo meravigliose avventure e innumerevoli contrattempi superati in modo rocambolesco con l'aiuto dell'amico Passapartut, Toni torna a destinazione, ma ahimè… arriva a Concordia un giorno dopo la data prevista.
Controllato come sempre, accetta la sua sorte di buon grado, dedicandosi alle normali attività di chi ritorna da un viaggio… quando improvvisamente il suo sguardo cade sul giornale ( el saveva ancia liedi! ), la data non è quella che lui credeva! …
Viaggiando sempre verso Ovest aveva guadagnato un giorno, e perciò era effettivamente rientrato a Concordia nel termine previsto dalla scommessa!!
Ormai gli restavano solo pochi minuti per giungere all'osteria de Beomo in tempo!
Effettua il suo ingresso trionfante, proprio sull' ultimo rintocco di mezzogiorno, materializzandosi giusto in tempo per riscuotere il premio, davanti ai “soci” allibiti che, orologio alla mano, si preparavano a brindare alla sua sconfitta.
E fu così che Toni riuscì a fare il giro … che dico del mondo… dell'Universo!, in 80 giorni ( sì, perché fece un saltino anche su Marte, approfittando dei lanci della NASA quando era negli USA).

Grazie alla Maestra Mara Trevisan per questa versione del racconto di Verne e per averci fatto venir voglia di rileggere la, (certamente meno bella), versione originale.

 
 
 
     
  Sacs
Sabato 29 dicembre 2012 alle ore 23.24
 
 

No voarisi che pensevi che soi drio montáme el ciaf, e che ancia mi vuoi fa el discorso de fine an come el presidente dea Republica, voarísi peró intant ringrasiáve che se stadi veramente tuti proprio gentii par verme scrit tante bee paroe e ver dedicat el vostro timp par liedi chel che ai scrit, ma sopratuto par ver capit el me intento e el spirito de sta pagina.
"Diaeto de Cuncuardia" vuol iessi un bel posto, indove che no se fa barufa, indove che se cerca de daghe un senso ae paroe, indove che se puol condividi un senso de apartenensa  pì che a na comunità, a un modo de iessi sincero, incontaminat e interprete de vaori che i varisi da iessi difesi e preservadi.
Nient de pí adatto del diaeto par esprimi genuinitá e tradision, sensa voer creá distacamento o diferense e col proposito de trová na maniera de 'ndi dacordo e "capisse" sui discorsi, sue riflession, sui eventi proprio come che se capín col diaeto.
Soi pien de orgoglio quande che me sinti disi che chei de Cuncuardia  "i te dise quel che i ga da dirte", e se e robe e ven dite co rispeto, no l'è iessi bifolchi, l'è iessi onesti e l'è no voer ofendi disendote na roba e faghene n'altra, l'è ver el coraio dea persona par ben.
Adés ve fai i auguri de un bon fine an, l'é el momento de lijá el sac col venc, e caricase in spaa ancia sto timp che par quant difìcie che 'l sia stat qualcossa  el ne a asát e de qualcossa el ne a liberat, qualcossa l'a portada, qualcosa el ne l'a sgiavada.
No me a mai piasèst sintì disi "sperèn che'l finìsi prest sto an" me pias pensá che par quant stuart che'l sia 'ndut qualcossa el ne à insegnat.
Le stat un an, ancia chisto, dea nostra vita e l'è stat pien de robe che ven fat, de lavori, de fadía, de pinsieri, de dent che ven cunusut e de dent che no iodaren pí, de sbagli che qualche vuolta l'è meio sbaliase, e de paroe che qualche vuolta... l'è meio tasi.
Naltro an che metén in conto, naltro an chel pasa sì ma sol tal caendario parché a noi nisun el ne o tira via, sen geosi de tut chel mucio de timp chel ne á fat cressi, ven fat tanta fadía a deventá grandi che vardá indrio ne ven fin da ridi co na lagrema.
Chisá se riusirai a insegnaghe ben ai me tosatei de spindi ben el timp, de no strasao, de impinìo de robe bone, de domande e de risposte, de problemi e de sousiòn, de amor e de giustissia, de sielte e de decision.
Ben, soi chí che speti de stapá el spumante, de basá e strucá tuti chei che me capita a tiro, de pronunciá ancora a stessa frase che no ai mai soportat... "Bona fine e bon prinsipio", de stropame e rece par no sintí i petardi e tute e frasi fate che soi condanat a dover daghe na risposta, soi chí che speti de rivá ciasa e finalmente daghe un baso aa femena che a me domandará se me soi ricuardat de ciò el spumante e un strucon ai tosatei che i me domandará se me soi ricuardat de comprá e micette.
No sará na vita aventurosa ma me diverti proprio tant, e no dirai mai... "finalmente l'é finit".
Grassie de cuor e bon fine an a tuti.

 
 
 

 

   

 

Pachitìns
Domenica 9 dicembre 2012 alle ore 1.53

Ancia sto an l'è rivat  Nadal, el presepio col Gesù bambin, l'albero coe luci che ghe ne sempre una brusada, el muscio da 'ndi a rincurà, i sasuss bianchi par fa e stradiute, magari na bea ghirlanda coe rame de pin taa puarta davanti dea ciasa e chi che l'è fortunat che l'à un giardin ancia na sciaa par ndi sora el pin a meti e luci intermitenti, (che tuti i ani te dis de taiao ma in fameia no i vuol parchè senò “come feno a Nadal”). Alora eco che riva l'oto de dicembre, fiesta, tuti ciasa a contà quanti dis che mancia al vintisinque (ancia sto an disisete), pensà a chi faghe i regai e a chi no… “ma no dai aa nevoda del cugin Piero na rubuta te à da faghea par forsa”, “e aa Mariuta un pinsierin no ghe o cioen?”, “ghe sarisi ancia el §io chel che sta a Pertegada” “ma si dai a lui ghe regaen el dopobarba, co vai a fa a spesa aa cop me ricuardi mi”. Insoma tuti i ani i stesi pensieri i stesi discorsi e i stesi pachitins coa ciarta che a riva cico cico e el fioc recuperat da un regal del Nadal de l'an pasat. E ogni an par forsa te te trova el vintiquatro de matina co qualchidun in fameia che l'à da ‘ndi al centro commerciale “ti cos che te fa… che mi ai da ‘ndi a ciò naltre do rubute, se te vuol te podarisi meti un fiatin a posto in ciasa che doman i ne riva tuti quanti”. “Aaaaa, ma l'an che ven basta regai e basta comprà robe che no serve”, a prima vuolta che ai sintut sta frase iera el 1979… e da alora tuti i ani compagni. Dopo però me fai ciapà dae robe, tut me par diverso dal soito, i me par tuti o pì contenti o pì rabiadi, pì smonàdi o pi gentii, insoma a Nadal no l'è nisun co l'umor tant a posto, l'è naltra sensibilità verso a vita, l'è un momento che ancia a chi che no ghe interesa l'evento reigioso no ‘l puol restà indiferente a tute ste robe, l'è un momento de riflesion che prima o dopo te varà da verlo, te te fermarà un atimo par capì ‘ndove che te so drio ‘ndi, te pensarà na vuolta l'an a chi che no sta proprio tant ben come ti, te vignarà vuoia de domandate che senso che l'à vivi sensa fase domande, par forsa tuti ven bisogno de faghe na richiesta a Gesù bambin (ancia se ades l'è pi de moda “babbo Natale”) che se dopo a riva, benon, e se no a riva vuol disi che no te so stat tant perlaquale… prova a domandaghe aa befana chisà che a vai meio, do mandarins e do bagigi no 'l ghe i nega a nisun. Se varà pur da credeghe a qualcossa che vai oltre ai pachitins sot de l'albero… Insoma, mi a Gesù bambin ghe credi, e me trovi ben a credeghe, se dopo nol me porta sempre chel che voarisi, pensi che ghe ne à §a bastansa da contentà e prima o dopo tociarà ancia a mi. Ades vai a iodi se el muscio el se à suiat cussì doman de matina o meti tal presepio cussì e piegurute e sta ben in pìe… ancia se me domandi sempre parchè no ghe meten a sabia come che forse doveva iessi aa periferia de Betlemme… mah.

     

Capolavoro
Domenica 2 dicembre 2012 alle ore 23.15

Stasera ieri drio parecià a sena e come che se fa quande che l'è ste dornade grise e umide, te ven vuoia de roba cialda da magnà, el fouc impiàt, e co tuta a fameia torotor dea toa… tosatei che i siga, a femena che a siga e chi che lo à… el cian chel baia. Insoma, na bea domenia de sera tranquìa in ciasa. Viardi el frigo e pensi: “vedèn cos' che l'è da finì” (prima che carote, seòe, articiochi e sedano i deventi veci e sia da butai tall'umido). Na vuolta che li ài convinti tuti, alora tachi col minestron de verdure… lavi, spei, tài, lavi ‘ncora e buti tut taa tecia piena de aga (vevi ancia a sucia). No sai se ve capita ancia a vuialtri, ma quande che pareci da magnà mi me stràvi a tal punto che no sinti e no scolti pì nisun… Stasera me a vignut da pensà a me nona che l'è §a un an che no le pì, pensavi che de sicuro no rivarai mai a fà un minestron come che a faseva lina… certo chel iera un minestron co quasi un secul de esperiensa, e verdure dell'ort, e cundit co tut el ben che na femena a tira vanti na fameia. De matina a ‘ndava a rincurà a roba, dopo miudì a ghe ne dava meda a chi che capitava a ciasa nostra, e paa sera iera tut bel cusinat taa toa, a feva a racolta dell'umido quaranta ani prima che rivasi un poitico iluminat a disi che bisognava faa, a distudava e luci prima che qualche “ambientaista attivista” el se preocupàsi de “risparmio energetico”, a sistemava e recuperava e robe quande che el lavoro in ciasa no ‘l se ciamava “bricolage”, a saveva che timp che vigniva ben prima che rivasi “vuvuvupuntometeopuntoit” a veva na vose che co a parlava al telefono a feva prima a viardi na finestra e tacà a parlà, un fià parchè a iera sorda, un fià parchè ghe pareva che i la sintiva meio. Sempre sensa paura, a veva vist do guere, patit tanta fan e ancia el freit e forse iera par chel che no a se impresionava tant facilmente, a se stufava prest dei tirapie e de chi che veva pì de na paroa, e so cure lo saveva sol lina quae che e iera… tanta verdura prima che lo disessi qualche luminare dea medicina, sempre tant movimento ancia prima che rivasi la “reobica”, el ioga o el pilates… e no l'à mai vist un ospedal. No a dava tanti basi e strucons… a me mare a ghe diseva: “no sta sbasuciao tant chel tosatel chel deventa…” chea frase no l'à mai finida ma se capis meio cusì che no che la vessi finida… me nona a iera na 'nciclopedia. L'à comandat fin l'ultin dì de vita e a se à indormensat col rosario in man, no a se à mai fat iodi co na lagrema e a iera lina che ghe dava coraio a tuti. No vuoi profità de ‘sto spassio par parlà de robe mee, ma me nona a iera proprio un bel esempio de come che se dovarisi vivi… e ogni vuolta che parli co qualche ansian me ven da pensà (come che dis un me amico) che ‘l sia veramente un opera d'arte.

     
     

Scultura
Martedì 13 novembre 2012 alle ore 9.51

Incuoi ieri drio ciaminá, ancia co' un fiá de primura, e soi pasat davanti ae scue medie, iera tant che no ghe davi n'ociada e na roba che me á sempre fat curiositá proprio davanti tal giardin lé a "recia"... Domandi scusa all'artista che l'á fata, no soi na persona de cultura, ma quande che da tosatel vardavi chea forma de marmo (e me ricuardi che me soi fermat tante vuolte a vardaa) a me someiava a na roba fra na capa e na recia... ma no ieri l'unico me ricuardi che ancia a chealtri tosatei  a ghe someiava a na recia (tant par disi che no ieri l'unico gnorante). Ben, insoma chea scultura (che a un certo punto me ieri ancia afesionat) a me a mitut na scianta de mainconia, iodea cussí in medo ae piante, quasi scunduda, piena de lea, piena de sporc a me a mitut propio mainconia, ghe manciava sol che i la usasi par liàghe e biciclete (chisá chel che l'á fata come che ghe dispiasará) Incuoi peró l'ái vardada meio de tute e sentenars de vuolte che l'ái vardada quande che ieri tosatel, o forse l'ái vardada ta na maniera diversa, fatostá che me se á impiát na roba tal ciaf... ái capío adès, epur no iera difìcie, chea "recia" l'á sempre voest dime a stessa roba e el me o diseva ogni santa matina che rivavi co a me bicicleta... a me diseva: "scolta". Iera un mesagio forte ta un posto o stes forte, a scua, indove che te impara a impará e indove che l'é importante scoltá... ancora pí de parlá. Impará a scoltá, ghe ne ai mitudi de ani a capí el significato de na "recia" mituda lí davanti (par chel no l'é nient da disi, el posto el iera ancia chel giusto) iera a stessa roba che me diseva sempre me pare: "scolta, scolta sempre e scolta tuti", (e sicome che soi sempre stat un chel parlava tant, ades no savarisi se el me o diseva par fame tasi). Comunque saver scoltá l'é na bea dote, e a posibiitá de impará l'é na bea fortuna... pecado butaa via. Insoma, incuoi pioveva ma iera propio na bea dornada, de chee che me pias, e sti pinsieri i me á compagnat fin ciasa e par tuta a dornada. Oh... aa fine no sai mío se l'é na recia, na capa, o cos' che sia, sai sol che la me á dat na bea emosion, e ái provat 'ncora na vuolta el piaser de ciaminá par Cuncuardia (ancia coa piova).

     
     

Imaginasion
Mercoledì 7 novembre 2012 alle ore 9.22

Voarisi iessi ancora bon da iodi el mondo come un tosatel, no par tant, magari par meda dornada... me bastarisi. Me metarisi a disegná a me fameia, tuti insieme, me mare coe cotoe, me pare coi bafi mi in medo, e tuti co 'na bea bocia che rit. I alberi sempre pieni de fuoie, e ciase sempre col camin che fuma e un fior che riva fin tal colmo... e ancia l'antena (tai disegni chei ani no iera na roba da trascurá). Sol i tosatei i riva a entrá tall'essensa del mondo che ghe sta intor, quande che i duia i trasforma l'imaginasion tal vero, quande che i disegna... el mondo i lo á lì... tra a punta dea matita e el foglio da ciarta e ogni sbalio deventa na licensa poetica. Co i viot na nuvoa de soito l'é un drago, un rinoceronte, 'na volpe che fuma a pipa o 'na "colbanera". Mi ades al masimo rivi a iodi de torná ciasa prima che piovi. Me metarisi a sigá par ogni monada e ndarisi a rampegame tall'amoar o a scundeme tal ciamp de biava e se me scrodeghei i denoi me netarisi co un fiá de spudacia. El mondo el sarisi tut lí ta chel che soi drio fá, no esistarisi che chel, i podarisi ciamame, sigáme, sburtame, ma mai bandonarisi el me duià fat de nient e de imaginasion.

 
 
     
     

Pinsieri
Mercoledì 31 ottobre 2012

Quaa leo a parlada dei pinsieri? L'á da iessi a parlada del cuor, l'á da iessi chea vose che 'l pí dee vuolte no te ven vuoia de scoltá, l'á da iessi chee sigade che te te sint dentro tal ciaf quande che no te so tant in pase, l'á da iessi chei grisoons e chea vuoia de sciopá de contentessa de quande che te so inamorat o chel siensio vodo de quande che te so du. I pinsieri tii sint sensa scoltai, i son pieni de coori e de paroe de vint, i te insegna a spetá e i te iuta a capí. I pinsieri no i son discorsi, i son chel che se vuol iessi e chel che te iuta a vivi, a sta ben ma a vuolte ancia a sofrí. No se finis mai de pensá, te scuminthia quande che te só taa cuna e te capis che te á qualche bisogno, te continua quande che te so grant e te capis che ancia ti te á qualcossa da disi, e te ghe n'á ancia massa quande che te so vecio che te á da ricuardá e da insegná. I pinsieri no i varda tal muso nisun, no i á pietá, e se te prova a metii in banda te riscia de fa pedo parché i stá lí un fiatin... ma dopo i sciopa e i fá ancora pí rumor. I va e i ven quande che i vuol no ghe interesa se te so stuf o se te a da fa altro... i te fa ridi ma ancia piandi, i te sburta o i te lija, i te fa durmí ma i te fa ancia sveiá, no te ghe comanda nancia se te vuol. Certe vuolte i te sciampa via, i se scuns, i se lontana, te fa de tut par no fai 'ndi via, ma lori, come quande che te ndava el baon tal canal, el se lontanava pian sempre pí, te o vardava lontanase tall'aga sensa poder faghe nient, te ghe tirava i sass, ma nient da fa, cussí i son ancia i pinsieri, co i vuol sciampate no te riva a fermai... e te resta lí spaesat a spetá che qualcossa altro de sicuro capita da pensá. I pinsieri i son dentro de noi ma no sempre i conosen, certe vuolte i tiren fuora e altre vuolte sarisi stat meio tignisii dentro. Ma chisto te ven a saverlo sempre dopo e forse aa fine sará meio cussí... chi puol disi, bisognarisi pensághe ben.

 

joan mirò - senza titolo n. 15
 
     
     

 

Coori
Martedì 23 ottobre 2012 alle ore 10.01

 

Sen in tanti... tante aneme interesade (pì o meno) a identificase e spartì una dee robe pì spontanee che fasen da quande che sen al mondo... Parlá. Parlá in italian l'é come disegná co' na bea matita, de chee tenere par certe robe ma de chee bee dure par altre, certi discorsi i voarisi fati co 'na 5H, co' te parla co na tosata te varisi da usá na bea dodese-B, co te parla co un tosatel invesi te vuol 'na sciatoa dei giotto almanco da dodese (chei de na vuolta che i saveva da lenc). Parlá in italian l'è come fá dei bei disegni tecnici... Archi, rette, angui, prospetive, tante regoe da rispetá e chel che no l'é no l'esiste. Ma a beessa tante vuolte l'é ancia tall'imperfesion de na parlada in diaeto, qualsiasi diaeto. El diaeto l'é come un quadro fat coi coori a oio diluidi, co tuti i odori che te sint pasando el penel, no massa preciso, no massa prevedibie, un fià de estro un puoc de murbin e tante sfumadure che te ghe dá, cussí col penel come col umor. No serve iessi tant lungi co te parla in diaeto, basta meda paroa e te ilustra i "promesi sposi", no serve iessi tant poeta par dighe a qualchi d'un che te ghe vuol ben, parché proprio come tai quadri a oio certe vuolte ven fuora ancia chel che no te sa che l'esiste.

 

(El quadro l'è de un ebreo russo che taa vita l'à dovest cambià ciasa diverse vuolte par evità fastidi. El se ciamava Moishe Segal, ma tuti i lo conos par Marc Chagall).
 
     
     

 

Domande
Venerdì 12 ottobre 2012 alle ore 9.39

 

 

Me ven vuoia de pensá che na fuoia che a coa dal albero no l'á finit el so da fá.L'é stada un but, l'é crisuda, l'á lavorat de dí e de nuot, l'á ciapat el suol e l'aga e magari ancia a timpiesta, ma col so gambut no l'á mai moat a rama 'ndo che a iera tacada, a veva bisugna dea rama come che a rama a veva bisugna de lina. Na fuoia a sa de iessi importante, parché se capis che ghe a met sempre tuta par deventá bea verde e forte, ma a sa ancia che a so forsa l'é che no l'é mai soa. Passa a staion, riva otobre, e riva l'aguas... a cambia do, tre coori fin che a capis che a rama l'é stufa e no l'á pí bisugna dea so ombra e lina no l'á pí vuoia de bevi... el suol nol scialda pí cusí forte. Riva ancia un fiá de vint che la iuta a stacase, sará un saltut, sol qualche secondo, ma traversá chel spassio daa rama fin par tiara l'á da iessi na roba granda. A vuolte e fuoie e se staca parché qualcosa le fa vigní via, altre vuolte e se staca parché e son stufe, secce e ingrispade, ma e fuoie lo sa che no le a finit el so da fá. Co e tocia tiara e capis subito ch'el mondo l'é diverso vist dal bas, e regoe e cambia, ma l'é bel o'stes ancia sensa e geometrie dea natura. Ades che riva el freit sará meio che a fuiuta, seccia e ingrispada, a se meti co tute so soree a fa un bel mucio sora e radis dell'albero par cuiardee dal freit dell'unviar. Chisto voarisi dighe ai me tosatei picinins quande che i me domandará: "papá... parché che in autuno e fuoie e coa par tiara?".

 

 
 
     
     
  Coombi
23 settembre 2012
 
  Certe vuolte l'è sol na question de punti de vista, bisognarisi vardá sempre na scianta pí 'n lá, iesi come i coombi che fra na becada e chealtra i voa tai colmi e i ne varda dall'alt.
Se podesi ancia mi rivà a vardà dal alt e robe che me impensieris soi sicuro che me vignarisi meio ancia trová el modo de preocupame manco.
Intant che o sai... Ghe provi.
 
 
 
     
     

 

Doménia de setembre
Lunedì 17 settembre 2012 alle ore 8.09

 

 

Che bel che l'é setembre... E fuoie dei talpons e son quasi tute dae, tall'ort no l'é quasi pí nient da ció su e a biava i l'à sa trebiada.Ma 'l suol el scialda 'ncora benon, l'ariuta a fa cori e nuvoe e a sera a riva sempre pí prest.Me meti na majeta lidiera, ma me porti drio ancia un giubin... No se sa mai.L'é puocia dent in giro, i sarà tuti che i se prepara par l'autun, o forse che i se ricuars co mainconia de l'istat.... Fatostà che se stà proprio ben e ste dornade limpie someia che e ne fai iodi meio ancia dentro de noi par fane apresà chel che ven e fane pensà come che sen.Intant ciamini e pensi... "Che bea dornada".

 

 
 
     
     
  Burasche
Lunedì 27 agosto 2012 alle ore 23.00
 
  Ben, ormai l'istàt l'é quasi finida, e ferie, chée e son proprio finide e sen tuti pronti par tacà 'naltro an de bone speranse e de bone intension. No vuoi fà chel faciiton, o savén che... "Fra el disi e 'l fà" in medo l'é tute e magagne de un Paeis che'l fà fadia a ripitinàse e tanta, massa dent e ferie no le a nancia viste, e qualchidun no iot nancia un lavoro. Me piasarisi peró rivà a viodi sto periodo come a burasca de ier de sera... Le pasada, ma intànt chea pasava a ne a fat viodi ancia un bel suol e tanti coori, e inquoi... Prové a vardà fuora che bea dornada, se iot el Piancaval che 'l someia el Fujiyama, el vint che l'a netat tut e che stamatina al mercà i iera tuti che i se saudava contenti de iodese. No vuoi fà chel faciiton, ma voarisi auguràve tute e robe pi bèe che voé, e a vuoia de no piardi mai el coraio e a speransa de 'ndí in meio.  
 
 
     
     
  Par mi e par chi che le de Cuncuardia...
Domenica 9 dicembre 2012 alle ore 1.53
 
  Cuncuardia no le sol el paeis indo che te so crisut, l'é un cianton che te l'a tall'anima, che no te va pí via, la dent l'ha n'altro sintimento, tutti i tosatei del mondo i varisi da cresi ta un posto come Cuncuardia, ancia se quande che te deventa tosat te ven vuoia de sciampà via, dopo te capis che no ghe ne vaeva a pena e quande che te so grant, che magari te a i tosatei tovi, te capis ancora meio che te a fat ben a restà. A Cuncuardia l'è robe che no te puol stacàte, che e te compagna da quande che te so nasut.... Me ricuardi el cinema Marconi co Ambrosin, Neo col caritin dei geati che te podeva pajaghii col vuovo fresc ("un geato un vuovo... ten chi picul"). Chi se ricuardeo del bon odor de pan del forno de Cansian, de mattina quande che te ndava a scua a pie, o se te jera picul, sul portapachi dadrio dea bicicleta. Cesca iera el paradiso dei §ogatui, dee caramee e dei geati fati al momento. Chi se ricuardeo dea Elvira, coa permanente bionda e col roseto che a feva el café, dopo iera Fanio, co Leone che el te duiava a schedina, e sicome che ieri picul i me pasava tuti davanti. E iera i indiani, el cinema davanti aa cesa coi so manifesti, iera el Flint, puoce machine ma tante, tante biciclete. I a puoc da disi chei da Puart, i furlans, i venesians, no l'é par nient che a Cuncuardia se stai benon.
Che bel quande che me pare el me ciapava par man e'l me portava in piassa, e me mare che a ne sigava: "dove 'ndeo che l'é pronto soa toa!!!", "porti el tosatel a fa do pass... tornen subito!!!".
Quande che iera i comunisti e i democristians, e ancia qualche missin. E i son ancora lí che noi riva a metese dacordo.
Iera don Giancarlo e iera a "festa dei ragassi" co l'altoparlante chel sunava de continuo 'Samarcanda', iera l'Ottaviano Augusto, coa Elsa, a Carmen, a Favro, el maestro Lucio e i bidei Rino e a Bianca, ma iera ancia a dutrina e se duiava a baon sua stradea e par porta... el pal dea mureta.
Cuncuardia l'é l'unico posto che quande che te ciamina fuora in piassa, te par de iesi ancora dentro in ciasa, te conos i sciains, i marciapìe i murs dee ciase e i pai dea luce come che se i fusi tovi.
No l'é par nient che quande che te ciamina in giro par Cuncuardia o che te cor in bicicleta... te passa tuti i mai. San Piero, Spareda, Via Claudia, Gurlon, Gafaree, a piassa 'na via pí ben tignuda de chealtra, e costrusion pí alte e son el campanil e el camin dea fabrica de Pessa. E se te so fortunat che te a na batea, fate pur na vogada fin indove chel Reghena el se buta tal Lemene... alora te capirà el parché che te pasa tuti i mai.